Diritto di accesso agli atti amministrativi: come cambia

Saverio Fatone
By Saverio Fatone Febbraio 1, 2016 16:20

Cambia la legge del 2013 sulla trasparenza della pubblica amministrazione e, con essa, il diritto di accesso agli atti da parte del cittadino. La conseguenza pratica è che non sarà più necessario indicare, nell’istanza di accesso, anche la motivazione, ossia le ragioni per cui il cittadino chiede di poter visionare i documenti e gli atti in possesso della P.A. Sarà piuttosto quest’ultima a dover dimostrare quali propri interessi ostacolino l’accesso del cittadino. Dunque, un diritto di accesso a 360 gradi, salvo cozzi con particolari esigenze di riservatezza dello Stato o di altri privati.

Anche sotto il profilo operativo, il diritto di accesso sarà agevolato attraverso internet e link ad altri siti.

Che succede se l’amministrazione non risponde all’istanza di accesso?

Nel caso di ritardo o diniego è informata l’Autorità anticorruzione e vi è possibilità di proporre ricorso al giudice amministrativo (Tar) entro 30 giorni ad un costo relativamente basso (contributo unificato pari a 300 euro). Le sentenze dovrebbero essere più celeri perché previste in forma semplificata. Per il ritardo nella risposta è inoltre previsto un indennizzo di 30 euro per ogni giorno successivo al trentesimo.

VAI ALL’ARTICOLO ORIGINALE RICHIEDI UNA CONSULENZA GRATUITA


Saverio Fatone
By Saverio Fatone Febbraio 1, 2016 16:20
Commenta la notizia

2 Comments

  1. mattia Ottobre 22, 13:19

    Veramente interessante. Potrei avere maggiori info?

    Reply to this comment
    • Avv. Saverio Fatone Marzo 4, 20:26

      Buonasera Mattia,
      la materia del diritto di accesso agli atti amministrativi è in continua evoluzione, perchè di riflesso subisce anche le ricadute delle modifiche legislative relative alla Privacy, oltre che dell’adeguamento della normativa italiana a quella comunitaria.
      Se ha necessità di chiarimenti o ulteriori informazioni può anche scrivermi in privato a s.fatone@libero.it per ricevere anche altro materiale e giurisprudenza.
      Cordiali Saluti

      Reply to this comment
Visualizza commenti

COMMENTA LA NOTIZIA

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Richiedi Una Consulenza Gratuita

Banche e usura: recupera i soldi!

Il 74% dei contratti bancari di finanziamento, mutuo, conto corrente e leasing sono affetti di irregolarità. Vuoi scoprire se il tuo contratto è irregolare e recuperare i soldi indebitamente sottratti dalla banca? Contattaci per scoprire se le patologie contrattuali che infettano il sistema bancario riguardano anche il tuo rapporto; infatti le banche spesso inseriscono all’interno dei contratti clausole illecite, sfavorevoli ai consumatori. Gli specialisti dello studio hanno deciso di intervenire per garantire la tutela degli interessi dei consumatori, analizzando con la collaborazione di uno staff di commercialisti e consulenti altamente competenti, tutte le anomalie del relativo contratto bancario.

CALCOLA IL TUO RIMBORSO