Diritto di accesso agli atti amministrativi: come cambia

Saverio Fatone
By Saverio Fatone febbraio 1, 2016 16:20

Diritto di accesso agli atti amministrativi: come cambiaCambia la legge del 2013 sulla trasparenza della pubblica amministrazione e, con essa, il diritto di accesso agli atti da parte del cittadino. La conseguenza pratica è che non sarà più necessario indicare, nell’istanza di accesso, anche la motivazione, ossia le ragioni per cui il cittadino chiede di poter visionare i documenti e gli atti in possesso della P.A. Sarà piuttosto quest’ultima a dover dimostrare quali propri interessi ostacolino l’accesso del cittadino. Dunque, un diritto di accesso a 360 gradi, salvo cozzi con particolari esigenze di riservatezza dello Stato o di altri privati.

Anche sotto il profilo operativo, il diritto di accesso sarà agevolato attraverso internet e link ad altri siti.

Che succede se l’amministrazione non risponde all’istanza di accesso?

Nel caso di ritardo o diniego è informata l’Autorità anticorruzione e vi è possibilità di proporre ricorso al giudice amministrativo (Tar) entro 30 giorni ad un costo relativamente basso (contributo unificato pari a 300 euro). Le sentenze dovrebbero essere più celeri perché previste in forma semplificata. Per il ritardo nella risposta è inoltre previsto un indennizzo di 30 euro per ogni giorno successivo al trentesimo


VAI ALL’ARTICOLO ORIGINALE RICHIEDI UNA CONSULENZA GRATUITA

 

Saverio Fatone
By Saverio Fatone febbraio 1, 2016 16:20
Commenta la notizia

Nessun commento

NESSUN COMMENTO!

Commenta per primo.

Inizia la discussione
Visualizza commenti

COMMENTA LA NOTIZIA

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*